Eventi provincia di Salerno

Lingua: italiano inglese
1

Home >> Eventi >> LUOGHI DA VISITARE - HOTEL HAPPY consiglia.....PARCO ARCHEOLOGICO DI PAESTUM (SALERNO)

LUOGHI DA VISITARE - HOTEL HAPPY consiglia.....PARCO ARCHEOLOGICO DI PAESTUM (SALERNO)

LUOGHI DA VISITARE - HOTEL HAPPY consiglia.....PARCO ARCHEOLOGICO DI PAESTUM (SALERNO)
Data: 03 Marzo, 2018

Il Parco archeologico di Paestum è situato nella Piana del Sele, un'area pianeggiante di origine alluvionale di circa 500 Km² nella provincia di Salerno. La Piana deve il suo nome alla presenza del fiume Sele che l'attraversa.

Territorio antichissimo, abitato già nella preistoria, ne sono testimonianze ritrovamenti pertinenti alla Necropoli del Gaudo e all'età paleolitica e neolitica.

Nel VII secolo a.C. questa zona, in cui vi era la presenza di nuclei di abitanti locali, richiamo' l'attenzione dei Greci, per lo più Achei provenienti da Sibari, i quali, presa cognizione del territorio e delle sue caratteristiche, lo colonizzarono. Fu così che intorno al 600 a.C. i Greci vi fondarono una città alla quale dettero il nome di Poseidonia, in onore di Poseidon, dio del mare.

Contemporaneamente edificarono il primo santuario nei pressi della foce del Sele, l'Heraion, che servì sia come luogo di culto per le pratiche devozionali per la dea Hera di Argo, sia come struttura difensiva per contrastare gli Etruschi che, essendosi spinti già nell'agro picentino, ed essendo già essi considerati una potenza, costituivano una minaccia per gli abitanti di Poseidonia. L'Heraion divenne famoso in tutto il mondo greco a tal punto che nacque un mito attorno alla sua costruzione: il geografo greco Strabone, infatti, ne attribuiva la fondazione a Giasone e ai suoi Argonauti. Poseidonia era difesa da mura massicce (le più imponenti e meglio conservate dell'antichità) con quattro porte inserite in corrispondenza dei punti cardinali. Grazie alla sua vicinanza al mare e alla sua posizione geografica che permettevano lo sviluppo dei traffici, grazie alla presenza dei corsi d'acqua e alla fertilità del suolo, la citta' raggiunse ben presto un alto livello di ricchezza e di sviluppo artistico e culturale testimoniati dalla costruzione di tre tempi dorici.

La magnificenza di Poseidonia attirò subito l'attenzione dei vicini Lucani, i quali riuscirono a conquistarla intorno al 400 a.C. mutandone il nome in Paistom. I Lucani, pur non raggiungendo lo stesso livello culturale del periodo greco, riuscirono con le loro attività militari, ad occuparee il territorio per parecchio tempo, tranne una breve parentesi in cui i Greci riconquistarono la città ma nel 326 a.C. a seguito della battaglia di Pandosia Paistom ritornò ai Lucani.

Intanto un'altra potenza si faceva strada lungo la Penisola: Roma. Dopo la guerra contro Pirro, nel 273 a.C. Roma si affermo' in queste regioni fondandovi una colonia latina e dando alla città il nome di Paestum. Paestum era tenuta in grande considerazione presso il Senato romano in quanto aveva supportato Roma nella guerra contro Annibale fornendo aiuti soprattutto in vettovaglie, per cui i romani arricchirono la città di importanti edifici quali il Foro, l'Anfiteato e il cosiddettoTempio della Pace. Con la dominazione romana Paestum prosperò fino al tardo impero ma a causa dell'attenzione di Roma verso nuove rotte commerciali in Oriente la città cadde in crisi e cominciò a decadere. I pochi abitanti che vi rimasero si ridussero ad una piccola comunità convertitasi al Cristianesimo mentre la maggior parte, per sfuggire alla malaria che stava diffondendosi in quest'area nonchè alle incursioni dei Saraceni, risalì la collina dando vita ad un nuovo cento abitato.

Nel Medioevo, tra il IX e il XIII secolo, questa città sorta in collina ebbe una grande importanza commerciale. Il suo nome, Caput Aquis, è dovuto alla sua collocazione al di sopra delle sorgenti di Capodifiume (già sede di culti presso il periodo greco e romano) e la città oggi viene ricordata dagli abitanti con l'appellativo "Capaccio Vecchio". Ma nel 1246 l'Imperatore Federico II di Svevia distrusse Caput Aquis per punire i feudatari del regno che avevano ordito una congiura contro di lui.

Dopo l'abbandono, di Paestum non si parlò quasi più ma la sua riscoperta si ha nella prima metà del '700 quando scrittori, poeti e artisti (tra i quali Goethe, Shelley, Canova) cominciarono a sceglierla come una delle mete del "Gran Tour". Da allora la sua fama dilagò in tutta Europa.

Nel parco archeologico di Paestum si possono ammirare ancora oggi i templi di stile dorico la cui costruzione risale al periodo greco, nonchè ciò che resta di alcuni edifici pubblici dell'epoca romana.

Tutti i reperti ritrovati nell'area archeologica sono conservati nel Museo Archeologico Nazionale che sorge di fronte agli scavi.

In prossimità del Museo è possibile visitare anche la Chiiesa Paleocristiana della S.S. Annunziata, risalente al V secolo d.C.

L'Hotel Happy dista 21 Km da Parco Archeologico di Pastum, raggiungibile in 27 minuti tramite automobile percorrendo la Stada Statale 18 Tirrena Inferiore.

 

 
 

<< Eventi

 

Nelle vicinanze: Luoghi da visitare

Costiera amalfitana

hotel 3 stelle Salerno Battipaglia

La Costiera Amalfitana, dichiarata dall´UNESCO patrimonio mondiale dell´umanità, prende il nome dalla antica Repubblica Marinara di Amalfi.

Scopri di piú»

Paestum

hotel 3 stelle Salerno Battipaglia

Anche Paestum, come molte delle zone del Sud Italia, è considerata dall´UNESCO patrimonio mondiale della umanità.

Scopri di piú »

Costiera Cilentana

hotel 3 stelle Salerno Battipaglia

Il Cilento e le sue splendide coste sono una tappa indispensabile se si vogliono scoprire le bellezze del nostro meraviglioso sud Italia.

Scopri di piú »

Salerno

hotel 3 stelle Salerno Battipaglia

Salerno è in una posizione di cerniera tra la Costiera Amalfitana e la Costiera Cilentana. Città tra le più grandi di Italia, Salerno vede oltre il 60% del proprio territorio protetto dall´UNESCO con circa 200 chilometri di coste.

Scopri di piú »

Monti Alburni e Picentini

hotel 3 stelle Salerno Battipaglia

I Monti Alburni sono un massiccio carsico ricco di doline, grotte, cavità e inghiottitoi che si trovano tra la valle del Sele e del Tanagro e fanno parte del Subappennino lucano.

Scopri di piú »

 
 

Prenota online

Verifica la disponibilità comodamente da casa tua.
chiama al
Tel. 0828 673312

 

Tutti gli Eventi

 

Natale 2015

 

Offerte Speciali

Gran risparmio per l’estate 2013, fatti un regalo!

Fatti un regalo: approfitta subito della tariffa s..
Vedi offerta »

Offerta Speciale per clienti del Cilento Outlet Village

Happy Shopping Happy Hotel  Dal 1 Giugno 20..
Vedi offerta »

Risparmia nei Week End di Gennaio e Febbraio

Sconto speciale per chi soggiorna nel fine settima..
Vedi offerta »